Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l' Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie .
OK

Centro Report

Avaaz Disinfo Hub

La disinformazione può modificare l'opinione pubblica, esacerbare un problema e persino cambiare il risultato delle elezioni.

Questi attacchi fomentano le divisioni, screditano organizzazioni e individui e promuovono pericolose imprecisioni. Ma il nostro movimento con oltre 50 milioni di avaaziani è proprio la forza che ci vuole per contrastare questa minaccia. Insieme stiamo rettificando le notizie false e chiedendo alle grandi aziende tecnologiche e ai governi di assumersi le loro responsabilità!

Ultimi report Come lottiamo contro la disinformazione?

Indagini
condotte

Avaaz scopre reti che diffondono disinformazione sulla salute con 3,8 miliardi di visualizzazioni nell'ultimo anno e mostra come confinare questa infodemia.
A cinque mesi dalle elezioni presidenziali negli Stati Uniti, quello che emerge dai risultati delle indagini è che gli sforzi attuali di Facebook non sono ancora sufficienti per proteggere gli elettori americani.
Uno studio indica che Facebook è pieno di cure fasulle e teorie del complotto che rimangono sulla piattaforma abbastanza a lungo da mettere a rischio milioni di persone.
Uno studio indica che Facebook è pieno di cure fasulle e teorie del complotto che rimangono sulla piattaforma abbastanza a lungo da mettere a rischio milioni di persone.
La ricerca svolta su incarico di Avaaz e condotta da esperti di spicco dimostra che notificare rettifiche sui social media agli utenti che hanno visto informazioni false o fuorvianti, può dimezzare le convinzioni che nascono dalla disinformazione.
YouTube spinge gli utenti alla misinformazione climatica con i soldi delle più grandi e riconosciute aziende.
Un'indagine afferma che l'ondata di notizie false nel 2020 potrebbe essere superiore a quella del 2016 — a meno che Facebook non intensifichi gli sforzi per frenare la disinformazione e assuma immediatamente l'obbligo di rettifica.
Un nuovo studio mostra come la metà delle notizie false in Brasile provenivano dagli Stati Uniti e come la disinformazione stia riducendo il tasso di vaccinazione nel paese.
L’effetto tsunami dei contenuti d’odio su Facebook colpisce gli indiani con cittadinanza a rischio.
Indagine di Avaaz porta alla chiusura di pagine di reti di disinformazione in tutta Europa con quasi 2,5 milioni di follower a ridosso delle elezioni europee.
In Spagna, WhatsApp è la rete sociale con il primato di messaggi falsi, fuorvianti, razzisti o di odio nel periodo pre- elettorale del 2019.
La disinformazione e le notizie false nei gruppi e pagine Facebook dei gilet gialli ha superato 105 milioni di visualizzazioni in cinque mesi.
Appello alle piattaforme tecnologiche affinché collaborino con fact-checker per informare gli utenti esposti a contenuti falsi o fuorvianti.

La gravità del problema della disinformazione

La disinformazione continua a colpire le nostre democrazie in modo massiccio.

0
visualizzazioni stimate di notizie false rilevate dal nostro team

Christoph Scott, direttore della campagna di Avaaz, parla delle attività di disinformazione che hanno messo a repentaglio la legittimità delle elezioni europee.

Come lottiamo contro la disinformazione?

Individuiamo la disinformazione

Individuiamo la disinformazione

Scriviamo solidi report e riteniamo responsabili le aziende di social media. Le piattaforme devono mettere la trasparenza tra le loro priorità, e finché non lo faranno, il nostro team si impegnerà per svelare la gravità del problema.


Sorvegliamo e riteniamo responsabili le aziende tecnologiche e i governi

Sorvegliamo e riteniamo responsabili le aziende tecnologiche e i governi

Assicurando una seria sorveglianza condotta da terzi, possiamo controllare se le piattaforme tecnologiche stanno facendo tutto il possibile per gestire e ridurre la dilagante disinformazione e la manipolazione delle nostre personali piazze pubbliche.


Stabiliamo un quadro per la responsabilità civile

Stabiliamo un quadro per la responsabilità civile

Attraverso le nostre indagini, la sensibilizzazione e il nostro team legale, la nostra comunità prepara il terreno per un quadro normativo internazionale in materia di responsabilità civile, che possa scoraggiare campagne di disinformazione scevre di conseguenze.

Come possiamo
difenderci

La grave minaccia della disinformazione e come possiamo difenderci

La disinformazione semina sfiducia, paura e bugie. Ma conoscendola meglio, sarà più facile fermarla. Condividi queste informazioni con amici e familiari per metterli al corrente della minaccia della disinformazione e continua a leggere per capire come proteggerti.

Leggi le Informazioni utili

Contro la disinformazione:
i 5 principi legislativi di Avaaz

Avaaz ha sviluppato 5 principi legislativi che dovrebbero essere alla base di qualsiasi iniziativa volta a combattere la disinformazione. Si tratta di una proposta normativa comprensiva che si fonda sui principi di trasparenza, responsabilità e libertà. Abbiamo lavorato in stretta collaborazione con studiosi, legislatori, società civile e dirigenti di social media per stilare 5 principi legislativi che orientino qualsiasi proposta democratica in materia di legge:

  • Rettifica social

  • Disintossicare gli algoritmi

  • Eliminare profili e bot falsi

  • Segnalare contenuti a pagamento e indicare i criteri di targetizzazione

  • Trasparenza

Sostieni i nostri sforzi!

Sostieni i nostri sforzi! Dona