Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
Facciamo crescere il verde di Roma

Facciamo crescere il verde di Roma

83 persone hanno firmato. Arriviamo a  100
83 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.
Questa petizione è stata creata da marcella c. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
marcella c.
ha lanciato questa petizione diretta a:
Gianni Alemanno, Sindaco di Roma
Ti piaceva abbracciare gli alberi
nel tronco toccavi la forza del frutto in radice
[...]
Credo che ogni bambino dovrebbe poter abbracciare un albero, per strada, in piazza o nello slargo davanti alla scuola. Dovrebbe poter sentire nell'albero a portata della sua mano la forza, la generosità e la bellezza della natura.
Non si tratta solo di avere consapevolezza del valore funzionale degli alberi anche in città – come dire: temperamento del clima, regolazione dell’umidità e del deflusso delle acque, protezione del suolo dalle erosioni, produzione di ossigeno per la respirabilità dell’aria – o del godimento estetico che un albero in salute può procurare. E’ pure un fatto di rispetto per l’oculatezza, la lungimiranza di amministratori e proprietari del passato, che nel piantare quegli alberi hanno pensato al futuro. E’ un fatto di rispetto della vita sociale come l’abbiamo concepita per secoli. Come vorremmo che le prossime generazioni potessero fare.
Invece a Roma e in altre città il verde cittadino va sempre più diminuendo: nei pochi spazi liberi dal cemento non si ha cura di piantare alberi, nei viali alberati e nei parchi troppo raramente si sostituiscono quelli seccati, non si tutela a sufficienza l' albero secolare né si controlla che quello di pregio tagliato nel giardino privato venga sostituito con uno della stessa essenza (così vorrebbe la legge). In omaggio alla sicurezza abbondano tagli e drastiche potature, ma dove l'edera stringe a morte i tronchi non si interviene.
Certo la natura richiede lungimiranza, atteggiamento di servizio e tempi più lunghi di quelli che in genere la politica oggi concepisca. E' probabile dunque che i Servizi giardini municipali abbiano pochissimi fondi a disposizione e poca attenzione. Vorrei che si invertisse questa tendenza.