Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
Questa petizione è chiusa
MONTINO, DIMETTITI!

MONTINO, DIMETTITI!

Questa petizione è chiusa
20 persone hanno firmato. Arriviamo a  100
20 Sostenitori

Giampiero F.
ha lanciato questa petizione diretta a:
Cittadini ed elettori, principalmente del Lazio

Di fronte al dilagare di scandali circa casi di corruzione, di sprechi, di conclamata incapacità e, ultimamente, di veri e propri furti dei fondi messi a disposizione dei partiti, il cittadino si sente disarmato e indifeso. Può solo sperare nell'intervento della Magistratura e in una condanna. Che, se arriverà e in chissà quali tempi, non gli restituirà certo la fiducia nel sistema.
Esterino Montino è il capogruppo del partito democratico e in una recente intervista ha dichiarato di essersi pentito per aver accettato l'incremento dei fondi messi a disposizione dalla Regione. Ritiene così di aver messo a tacere ogni possibile critica: non si rende conto di essere stato complice di quel modo d'agire e che il suo pentimento è cosa assolutamente risibile. Invece di pentirsi avrebbe dovuto vergognarsi e dare le dimissioni, come sarebbe avvenuto in un qualunque paese dove esista un'etica pubblica e il rispetto di elettori e contribuenti.
Se otterremo le dimissioni di Montino grazie alla pressione dell'opinione pubblica e delle firme raccolte avremo due grandi risultati: il primo, che i cittadini scopriranno finalmente di avere uno strumento per poter incidere sull'operato dei politici; il secondo, che verrà restituita a delusi e rassegnati, votati ad astenersi nelle consultazioni elettorali, fiducia nel loro ruolo. Infine, forse il sistema politico potrebbe cominciare a selezionare meglio i propri candidati e adottare sistemi di partecipazione e trasparenza che riducano la presenza di chi intende la vita politica non come servizio per la collettività ma solo come occasione per i propri interessi.