Aggiorna le tue impostazioni dei cookie per utilizzare questa funzione.
Clicca "Consenti tutti" o attiva solo i "Cookie per pubblicità mirata"
Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
Un intervento umanitario della NATO per fermare la violenza in Siria

Un intervento umanitario della NATO per fermare la violenza in Siria

12 persone hanno firmato. Arriviamo a  100
12 Sostenitori

Chiudi

Completa la tua firma

,
Continuando, dichiari di acconsentire a ricevere le mail di Avaaz. La nostra Informativa sulla Privacy protegge i tuoi dati e ti spiega come possono essere usati. Puoi disiscriverti in qualsiasi momento.
Questa petizione è stata creata da Thomas B. e potrebbe non rappresentare il punto di vista della comunità di Avaaz.
Thomas B.
ha lanciato questa petizione diretta a:
ONU, NATO, UE, Lega Araba
La petizione è importantissima perché con ogni giorno che passa il regime Assad in Siria compie nuovi attacchi e massacri sia fra gli oppossitori armati sia fra la popolazione civile. Da tanti mesi è in corso una campagna di annientamento delle forze di resistenza democratica in Siria. Fonti affidabili parlano di almeno 17.000 morti. È assolutamente inaccettabile che la comunità internazionale resti ancora nel ruolo di spettatore e bloccata da manovre di deviazione di alcuni stati interessati a sostenere la dittatura. Tutti i tentativi politici di arrivare ad una soluzione negoziata sono falliti, perché Assad non è diposto a cedere il potere. È improponibile un futuro della Siria sotto la sua sanguinaria dittatura. Quindi occorre seguire l'esempio dell'intervento della Libia, abbandonare l'approccio di due pesi e due misure e intervenire attivamente nella Siria per proteggere la popolazione civile, soprattutto nelle zone già liberate.
Pubblicato il: 16 Luglio 2012 (Aggiornata:  14 Aprile 2015)