Continuando, dichiari di accettare l'Informativa sulla Privacy di Avaaz, che spiega come possono essere usati e come sono protetti i tuoi dati.
Ho capito
Utilizziamo i cookies per analizzare come viene usato il sito e come supporto per fornire ai visitatori la miglior esperienza possibile. Trovi qui la nostra Informativa sui Cookie.
OK
La più grande ed efficace comunità online di campagne per il cambiamento

Petizioni vittoriose
  
  

 


Cosa otteniamo e come vinciamo!

Perché è importante

Cari amici,

Vi chiediamo di aiutarci a proteggere la libertà di ogni Stato Membro dell’Unione Europea di proibire la vendita e la coltivazione di sementi geneticamente modificate.

Attualmente la normativa europea accenna alla possibilità che uno stato limiti l’uso di varietà geneticamente modificate e già autorizzate a livello europeo solo nel caso di informazioni aggiuntive che attestano il rischio della varietà geneticamente modificata per la salute umana o per l’ambiente (Art. 23 di 2001/18/EC). La questione viene cioè lasciata in termini estremamente ambigui.

Il 6 settembre 2012, tuttavia, la Corte di Giustizia Europea emanava la seguente sentenza: la coltivazione di organismi geneticamente modificati come la varità di mais MON 810 non può essere assoggettata a procedure di autorizzazione nazionale qualora l’uso e la commercializzazione degli stessi siano stati autorizzati da parte della normativa europea.

Questo avveniva nel contesto di un conflitto tra la ditta Pioneer Hi Bred Italia e il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, in quanto il primo aveva da tempo richiesto l’autorizzazione di vendita per sementi ibride derivate dalla varietà di mais geneticamente modificato MON 810 prodotta dalla ditta americana Monsanto.

In base a tale sentenza ogni Stato Membro dell’Unione Europea appare sostanzialmente non autorizzato a bandire la vendita e la coltivazione di sementi geneticamente modificate una volta che esse siano state approvate secondo le relative procedure di autorizzazione a livello europeo.

Riteniamo che tali scelte politiche possano essere influenzate direttamente o indirettamente dagli interessi di grandi multinazionali come Monsanto. Al contrario, dal sondaggio “Europeans and Biotechnology in 2010” pubblicato dalla Commissione Europea risulta che il 57% dei cittadini europei è contrario agli OGM, mentre solo il 27% a favore.

Diciamo sì a un’Unione Europea edificata sul rispetto di tutti i suoi cittadini, diciamo no a un’Unione Europea dove il potere decisionale viene allontanato in maniera crescente dalla gente.

Con questa petizione chiederemo al Parlamento Europeo di assicurare che qualunque Stato Membro sia libero di proibire la vendita e la coltivazione di sementi geneticamente modificate già approvate dalla normativa europea, mantenendo così il dibattito sugli OGM più vicino alla popolazione.

Sperando nel vostro sostegno,

Amerigo Sivelli, Michela Paganini, Matteo Hambrecht e il resto del gruppo per la difesa della libertà di scelta sugli OGM per ogni Stato Membro dell'UE

Per approfondire:

La sentenza della Corte di Giustizia:
http://www.ilcambiamento.it/legislazione_ambientale/ogm_corte_giustizia_ue_da_ragione_monsanto.html

Il giudizio della Corte:
http://curia.europa.eu/juris/document/document.jsf?text=&docid=126437&pageIndex=0&doclang=EN&mode=req&dir=&occ=first&part=1&cid=1326638


La normativa europea di riferimento:
http://www.biosafety.be/GB/Dir.Eur.GB/Del.Rel./2001_18/2001_18_TC.html

I meccanismi dietro alle grandi multinazionali come Monsanto:
http://youtu.be/DSM5Jn4GLRQ


Pubblicata Novembre 18, 2012
Segnala contenuto inappropriato
Clicca per copiare: